Spedizioni gratuite oltre i 49 €     3792064682     Chiedi al farmacista

Premenopausa: come riconoscere i sintomi e contrastare i fastidi

Premenopausa: come riconoscere i sintomi e contrastare i fastidi

Intorno ai 40-45 anni, inizia il fisiologico periodo chiamato premenopausa o perimenopausa, caratterizzato da sintomi e segnali spesso molto fastidiosi. Supportare l’organismo con apposite sostanze naturali diventa indispensabile per vivere con serenità questa fase della vita.

25/11/2021 18:27:00 | Farmageneration

I sintomi della premenopausa

I segnali dell’arrivo della fase chiamata premenopausa sono diversi: alcuni donne ne avvertono molti, altre meno. Il principale è l’alterazione del ciclo mestruale, dovuta all’irregolarità degli estrogeni e alla diminuzione del progesterone.

Anche stanchezza, dolori muscolari e calo di energia possono essere frequenti in questo periodo, perché le modifiche ormonali sembrano provocare un calo della massa muscolare.

Influenzati sono anche i centri cerebrali adibiti alla memoria, con conseguenti mal di testa e difficoltà di memoria e concentrazione. In particolare, la carenza di progesterone, che normalmente lavora in sinergia con il neurotrasmettitore del buonumore, la serotonina, favorire una maggiore sensibilità allo stress, malumore e irregolarità nel ritmo del sonno-veglia.

Possono verificarsi anche aumenti di peso per il rallentamento del metabolismo, calo del desiderio sessuale, problemi uro-genitali, perdita di tono della pelle e assottigliamento dei capelli

Frequenti sono problemi della termoregolazione fisiologica, con la conseguente comparsa di sudorazioni notturne e vampate di calore.

 

I fitoestrogeni possono aiutarci!

I fitoestrogeni sono composti di origine vegetale che hanno una struttura chimica simile quelle degli estrogeni prodotti dall'organismo umano. I principali gruppi di fitoestrogeni sono tre: isoflavoni, cumestani e lignani. Agiscono come gli estrogeni umani e, grazie alla loro origine naturale, non possiedono gli effetti collaterali della medesime sostanze di sintesi spesso impiegate nelle fasi di menopausa e premenopausa.

In ambito alimentare, essi si trovano principalmente nella soia e in altri legumi (tra cui lenticchie e ceci); quantità inferiori si riscontrano anche in altri cibi come, ad esempio, i cereali integrali e i finocchi.

La loro assunzione consente una riduzione degli effetti collaterali della premenopausa, la protezione dei recettori degli estrogeni, la riduzione dei livelli del colesterolo e la protezione delle cellule dell’organismo dal danno ossidativo. Riducono la stanchezza e l’irritabilità, migliorano l’aspetto di cute e capelli e sono di supporto per la mobilità delle articolazioni e il mantenimento della densità minerale.

 

Il supporto fornito vitamina B6 e magnesio

La vitamina B6 aiuta l’organismo a produrre anticorpi, a far funzionare i nervi correttamente e a mantenere lo zucchero nel sangue entro i limiti normali. Insieme al magnesio, ha un’importante funzione protettiva ossea e del sistema cognitivo.

 

Per contrastare i fastidi della premenopausa, Farmageneration consiglia:

DONNA LIFE ESI, integratore alimentare riequilibrante in capsule, a base di Isoflavoni da soia e trifoglio ad alto dosaggio, estratto di Cimicifuga, Magnesio e Vitamina B6.

Prodotti correlati

Se hai trovato utile questo articolo potrebbero interessarti anche...